Cristiano Militello

Sono trascorsi soltanto sei mesi…


… dal mio ultimo post!

Non ho parole, davvero. Forse non ve ne siete accorti neppure voi (del mio silenzio, intendo), ma vi assicuro che io non l’ho vissuto affatto come silenzio-assenza-vuoto. La mia vita, da gennaio a ora, è stata piuttosto rumorosa-indaffarata-piena. Giuro.

Non ho tenuto aggiornato questo blog perché non ci stava dentro nell’arco delle 24h, non per pigrizia o per noncuranza. Giuro.

Affinché sia evidente il mio essere altrove per farefarefare, credo sia giusto darvi un breve riassunto. Ogni anno in questo periodo lo faccio, mi è indispensabile perché qui posso fare ordine, posso rendermi conto che questa stanchezza ha una giustificazione e anche perché è bello condividere con voi il frutto del mio lavoro. Che non è solo il MIO lavoro, ma solitamente è il lavoro di un team capitanato da me (solo perché qualcuno la responsabilità se la deve pur prendere).

Inizierei con un programma webradio-fonico (termine inventato ora, da me medesima) iniziato l’anno scorso e terminato a fine aprile. Programma legato al cartellone degli spettacoli di teatro comico del Teatro Centrolucia di Botticino (Brescia), dove ho potuto intervistare Michele Foresta (il Mago Forest), Paolo Cevoli, Leonardo Manera, Natalino Balasso, Sergio Sgrilli, Cristiano Militello.

WP_20160625_14_15_19_Pro

L’esperimento è stato possibile grazie a Federico Stefanelli, direttore artistico del Centrolucia, e alla collaborazione di tutto lo staff del teatro che è stato un supporto fondamentale affinché il mio lavoro si potesse concretizzare.

Ogni puntata è dedicata a uno spettacolo e a un artista; ogni puntata è stata per me l’occasione di toccare con mano il dietro-le-quinte del Centrlucia per testimoniare il mio vissuto, da spettatrice e da addetta ai lavori. Scoprire l’artista che vive dietro al personaggio è stato emozionante, lo confesso. Scoprire quello che è stato il lavoro e la ricerca di ognuno di loro per arrivare al risultato offerto al pubblico è stato rassicurante. La loro preparazione, l’abnegazione, la loro visione è stata per me fonte di ispirazione e sorpresa.

BackStageComedy è ospite della web-zine StandOut (con cui collaboro), ma vi riporto qui sotto ogni puntata così se ne avete voglia potete ascoltarle e scoprire, passo dopo passo, la bellezza di questa mia avventura vissuta con il batticuore.

Sono storie, qui a NEVERLANDstorie si parla di questo, giusto? Buon ascolto, Folks!

 

BACKSTAGECOMEDY_logo

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Spero vi sia piaciuta questa rassegna di storie e di voci, spero che abbiate l’opportunità di andarli ad applaudire dal vivo questi artisti. Per quanto riguarda me, posso solo aggiungere che è stata un’avventura indimenticabile e che… potrebbe non essere finita qui.

Tra qualche giorno ci sarà un altro post, dove vi racconterò un altro pezzetto del mio farefarefare, spero di ritrovarvi tutti qui, Folks!

A presto,

b-

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Annunci