INCONTRI, CONTAMINAZIONI, SCRITTURA… AMICIZIA = NEVERLAND

Ohi Folks…
scrivo oggi perché son di buonumore. Non è affatto scontato, sappiatelo. La questione è che mi piace scrivere quando sono di umore buono, mi sembra quasi di essere simpatica…
vi sentite fortunati, oh voi anime pie che passate di qui (magari per caso) e avete l’occasione di leggere le mie scemenze umorali?
😉
Eh! Son belle cose!

Vabbé, torniamo tra le righe e vediamo di rendere utile questo mio modesto post. Una delle cose migliori che mi capitano grazie a Neverland, ve l’ho detto mille volte, sono gli incontri…
No, non tutti esaltanti e non tutti da mantenere a lungo termine (la mia calamita per le rotture di scatole funziona da Dio), ma ci sono Incontri che sanno trasformarsi in qualcosa che vale, nel tempo e nello spazio (e giù di filosofia prêt-à-porter).

Bene, ora vi parlerò brevemente di uno di questi incroci del destino benedetti:
Franco Pelizzari capita una sera al gruppo di lettura di cui facevo parte, accompagnato da una delle signore del GdL sua amica, e mi parla del romanzo che ha appena concluso. Mi chiede se ho voglia di leggerlo per dargli una mia opinione.
No, non un favore, un lavoro.
Lo specifico perché va evidenziato: si è rivolto a me, senza neppure conoscermi e senza sapere che razza di persona fossi, per avere un parere professionale sul suo manoscritto.
Vi rendete conto la delicatezza della situazione?
Mi sono sentita lusingata da questa dimostrazione istintiva di fiducia e toccata dal suo approccio umile e schietto, e ho risposto: Certo! (sperando di non deludere le sue aspettative).

Leggere la Storia scritta da Franco è stato un immergermi in una ricerca spirituale che mi apparteneva già da molto tempo, non ho fatto alcuna fatica nel farmi coinvolgere dall’atmosfera del racconto e neppure ho fatto fatica a capire le motivazioni che erano all’origine del percorso di scrittura a cui Franco si era dedicato.
Abbiamo parlato moltissimo, abbiamo sviscerato questioni e dubbi e controversie che riguardavano non solo la scrittura, ma soprattutto l’esistenza umana.
Questo ci ha permesso di focalizzare al meglio quel che necessitava di una lucidata all’interno della Storia e al contempo di consolidare la stima reciproca, prerogativa dell’amicizia che nel tempo si è andata a definire.

Questa lunga premessa vuole essere solo un dettaglio nella Storia, perché voglio invitarvi a visitare e leggere il sito di Franco e, magari, anche a leggere la sua prima opera “Adesso e poi lo stesso”.
Come dite? Pubblicità?
Pubblicità Progresso, direi.

😉

Per andare più nello specifico vi posso anticipare che Franco ed io abbiamo fatto una lunga chiacchierata riguardo la scrittura e le dinamiche che ci spingono a leggere o a scrivere una determinata Storia per esserne toccati per sempre…
la trovate (a puntate) tra le pagine del suo blog e questa è la prima parte:
Intervista a Barbara Favaro

Invece questo è il link all’homepage del sito:  Franco Pelizzari – website
E questo è il libro che potete scaricare con un click anche come ebook su Amazon.it:  
http://www.amazon.it/Adesso-poi-lo-stesso-ebook/dp/B006NXG94O

Alla prossima Folks
(grazie per essere qui con me)

b-

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...